DCPM 24 ottobre: non si fermano gli autotrasportatori e i corsi per la loro formazione

L’autotrasporto va. Anche il DCPM 24 ottobre, in vigore dal 26 ottobre e fino al 24 novembre (salvo proroghe), non pone, a prescindere dalla chiusura delle trattorie alle 18, grandi limiti operativi all’autotrasporto e anzi restano consentite anche attività vietate lo scorso marzo. Viene infatti ribadito che «sull’intero territorio nazionale tutte le attività produttive industriali e commerciali», compreso quindi l’autotrasporto, possono continuare la loro attività, seppure nel rispetto del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro del 24 aprile 2020 e, per quanto riguarda l’autotrasporto, il protocollo nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20 marzo 2020.

Inoltre, contrariamente a quanto accaduto in primavera, continuano i corsi abilitanti e le prove teoriche e pratiche effettuate dagli uffici della motorizzazione civile e dalle autoscuole, nonché i corsi per l’accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e viaggiatori e i corsi sul buon funzionamento del tachigrafo svolti dalle stesse autoscuole e da altri enti di formazione. Rimangono consentiti anche i corsi di formazione e i corsi abilitanti o comunque autorizzati o finanziati dal ministero delle infrastrutture e dei Trasporti.

Infine, tutti quei vincoli previsti per le persone che hanno soggiornato o transitato, nei quattordici giorni antecedenti all’ingresso in Italia, in una serie di Stati o territori a rischio, non si applicano all’equipaggio dei mezzi di trasporto e al personale viaggiante. Insomma, l’autotrasporto va, anche perché evidentemente non se ne può fare a meno.

Fonte: Uomini e Trasporti

Punti Patente: la decurtazione arriva per mail

La Legge 120/2020, più nota come Decreto Semplificazioni, interviene anche sul Codice della Strada e tra le modifiche apportate una riguarda la patente e la Carta di qualificazione del conducente. Più precisamente il modo con cui l’Amministrazione comunica al titolare la riduzione di punti avvenuta in seguito a una sanzione. Questa comunicazione avverrà tramite un messaggio di posta elettronica, sulla base dell’indirizzo che il titolare ha inserito nel Portale dell’Automobilista. Nell’area riservata del portale, inoltre, il titolare può scaricare l’attestazione che contiene il punteggio e le informazioni relative alle sanzioni ricevute. La notifica della riduzione dei punti avviene anche tramite l’applicazione per smartphone iPatente.

Il Decreto Semplificazioni porta modifiche anche alla procedura per modificare la residenza sulla carta di circolazione. Con le nuove disposizioni, il titolare del veicolo dovrà comunicare i nuovi dati chiedendo l’aggiornamento dell’Archivio Nazionale Veicoli, senza dover più aspettare il tagliando da apporre sulla carta di circolazione in suo possesso. Se avrà bisogno di un attestato cartaceo che dimostri la nuova residenza potrà scaricarlo e stamparlo dal Portale dell’Automobilista o dal sito dell’Archivio Nazionale dei Veicoli.

Fonte: Truck24

Frejus: dal 1° ottobre stop agli Euro 3 ed Euro 4

Terminato il periodo delle proroghe, entrate in vigore a causa dell’acuirsi della pandemia da Covid19, dal 1° Ottobre 2020 verrà interdetta la circolazione nel Traforo del Frejus per i mezzi appartenenti alle classi ecologiche Euro III ed Euro IV.

Con questo provvedimento, le regole del traffico nel Traforo del Frejus si uniformano con quelle attualmente vigenti per il Monte Bianco.

Ti ricordiamo che se vuoi risparmiare il prezzo della metà dell’andata e ritorno è sufficiente chiamare il n° di tel 0523 648259