Sequestrati 700mila euro a coop Omnia Fai

La Guardia di Finanza ha comunicato il sequestro preventivo di alcuni beni della cooperativa di autotrasporto di Tortona nell’ambito di un’inchiesta nazionale su presunte frodi sui corsi di formazione degli autisti.

La Omnia Fai di Tortona è entrata nell’inchiesta Gordio attuata dalla Guardia di Finanza su una presunta frode relativa alle richieste di rimborso per i corsi di formazione degli autisti. L’indagine ha dimensione nazionale e secondo gli inquirenti coinvolgerebbe ben 125 società che fanno capo a un consorzio romano. I Finanzieri hanno denunciato 141 persone per avere gonfiato i costi dei corsi di formazione, con lo scopo di ottenere maggiori fondi pubblici. Il 12 luglio, la stampa locale di Alessandria riferisce che tra le realtà coinvolte nell’indagine ci sarebbe anche la cooperativa Omnia Fai, che ha sede a Tortona. Nei confronti della coop la Guardia di Finanza avrebbe sequestrato 751mila euro e denunciato quattro persone, tra cui il presidente e l’amministratore delegato, per truffa aggravata ai danni dello Stato e falso ideologico. Secondo gli inquirenti, una parte consistente dei corsisti per cui sono stati richiesti i fondi erano al lavoro nei giorni in cui avrebbero dovuto partecipare ai corsi.
Dopo la pubblicazione della notizia, la cooperativa ha dichiarato che il proprio comportamento è sempre stato rispettoso delle regole e di essere a disposizione dell’Autorità giudiziaria “per una materia complessa e risalente nel tempo”. Inoltre, la società “confida di poter utilmente contribuire alle indagini preliminari in corso, per la completa ed ordinata ricostruzione dei fatti, con il convincimento che ne risulterà confermata l’insussistenza di qualsivoglia elemento di illecito nelle condotte oggi sottoposte a verifica”.

Fonte: Trasporti Europa