BIM Service presente all’assemblea Nazionale ATP (Associazione Traslocatori Professionisti)

Come ogni anno, il 18 Maggio l’ATP (Associazione Traslocatori Professionisti)si è riunita per un nuovo incontro, per fare il punto della situazione riguardo la lotta all’abusivismo.

L’evento si è svolto presso il Grand Hotel Domus di Rende (Cosenza) ed ha visto la partecipazione di oltre 70 Aziende
associate.

Bim Service era presente per illustrare i servizi dedicati alla categoria e le convenzioni riservate a chi ogni giorno
svolge con passione e dedizione questo lavoro dando un servizio sempre più importante ai cittadini.

per maggiori informazioni sui servizi riservati contattare il numero verde 800 290 678

per una libera scelta ………..

Il 70,5% dei trasportatori viola normative sul lavoro: quella sui tempi di guida al top delle infrazioni

Quante volte abbiamo detto e scritto che l’autotrasporto è un settore intriso di
illegalità? Semmai ce ne fosse bisogno una conferma si trova nel Rapporto
annuale dell’attività di vigilanza in materia di lavoro riferito al 2018
dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, dal quale emerge che,
relativamente al settore dell’autotrasporto (quello identificato con il codice
ATECO “H- trasporto e magazzinaggio”), a fronte di 6.855 aziende
ispezionatee di 6.183 oggetto di puntuale verifica, 4.358 sono stati gli
illeciti riscontrati. Come a dire che nel 70,5% delle aziende visitate è stato
trovato qualcosa che non era in regola con le normative.
Si dirà: ma magari in tanti casi si tratta di sciocchezze? Può essere, ma rimane
un’altra evidenza: che tra i 12.120 lavoratori interessati dalle infrazioni
ben 1.130 sono risultati in nero e 22 sono persone straniere prive di
regolare permesso di soggiorno. Ma la cosa che colpisce è che, a distanza di
tanti anni dalla sua applicazione, la normativa sui tempi di guida e di
riposo continua a essere la più trasgredita, tanto da interessare 4.496
dei 12.120 lavoratori trovati in condizioni di irregolarità. In pratica nel
37,2% dei casi.
Ma se i tempi di guida guidano la classifica, sotto cresce in modo prepotente
un’altra violazione, quella che riguarda i lavoratori coinvolti in fenomeni
interpositori, vale a dire quelli in cui un datore di lavoro utilizza lavoratori che
formalmente sono reclutati da un altro soggetto che spesso versa loro anche
la retribuzione. Ebbene di questi casi hanno coinvolto 1.917 lavoratori.
In più l’Ispettorato, lavorando insieme ad altre amministrazioni, è riuscito a
fare un focus specifico sui lavoratori distaccati e in somministrazione
transnazionale. Ebbene, i lavoratori del settore legati in modo irregolare a
queste figure contrattuali sono 1.951 e di questi 34 riguardano la
violazione di norme relative proprie al distacco internazionale.
Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie in tema di trasporti e logistica?
Iscriviti alla newsletter di Uomini e Trasporti. È gratuita e la riceverai via mail.

Fonte: Uomini e Trasporti